I Migliori Locali di San Pietroburgo


9 giorni, pensavo fossero tanti 9 giorni ed invece alla fine sono diventati un periodo giusto per visitare San Pietroburgo, una città magica che riserva tante sorprese ai visitatori.



Conviene scegliere agosto per visitarla quando il clima mite lo permette e diventa piacevole girare la città a piedi o attraverso i traghetti che percorrono i tre canali principali, Fontanka, Griboedov e Mojka confluenti nella grande Neva con itinerari di circa 2 ore.



Imponente la Nevsky Prospect lunga ben 4.5 km e che taglia in due la città, sempre affollata sia di giorno che di notte con band che suonano musica dal vivo ad ogni incrocio.



San Pietroburgo è una città relativamente giovane avendo soltanto 300 anni di vita.



Fondata nel 1703 per volere di Pietro il Grande li dove un tempo c'erano soltanto paludi con perdite notevoli in termini di vite umane ed impreziosita da capolavori realizzati principalmente da architetti italiani come Bartolomeo Rastrelli ed il napoletano Carlo Rossi autore dell'Edificio del Museo Russo, della Piazza del Palazzo, della piazza delle Arti e della bellissima via che porta il suo nome, Ulica Rossi, una delle vie più belle e raffinate della città con gli imponenti colonnati e dove risiede la famosa scuola di ballo Vaganovskoe ed il Teatro Muzej.



Da non perdere il complesso dell'Ermitage con il palazzo d'inverno, il piccolo ed il grande Ermitage (chiuso il lunedì, dalle 1030 alle 18 il martedì, giovedì ed il Weekend, dalle 1030 alle 21 il mercoledì e venerdì) che da solo richiede minimo una giornata



i meravigliosi Giardini d'estate, la maestosa Cattedrale di Sant'Isacco che con la sua cupola d'oro è visibile da ogni punto della città



la Chiesa del Sangue Versato molto simile a Sant'Isodoro di Mosca e realizzata nello stesso luogo dove lo zar Alessandro II fu assassinato



e la cattedrale del Kazan su Nevskij con la sua enorme cupola ed il maestoso colonnato che tanto ricorda San Pietro a Roma.



Da visitare assolutamente Peterhof realizzato da Le Blond e Rastrelli, raggiungibile dal centro tramite aliscafo che ricorda tanto Varsailles con fontane meravigliose come la grande cascata con le sue 37 statue di bronzo dorato, la fontana di Nettuno e la suite imperiale di Pietro il Grande ed il canale marittimo che collega con il Golfo di Finlandia.

Ho ridotto molto la parte storica ampiamente trattata da guide importanti come il Touring o Mondadori per poter parlare della vita di San Pietroburgo attraverso i ristoranti ed i locali notturni cosi come faccio sempre in ogni guida Lovingitaly.

Partiamo dai migliori ristoranti della città, quelli assolutamente da non perdere, perchè dopo averne provati tanti posso dire che mediamente la qualità è alta e l'esperienza impagabile.

Il prezzo medio è relativamente basso rispetto agli standard europei tranne che per i vini che sono naturalmente importati e che qui hanno un costo esorbitante (si parte da un minimo di 2500 rubli per bottiglie senza lode ossia circa 35 euro)

Le cucine più diffuse oltre alla russa sono la georgiana e naturalmente quella italiana qui molto amata e piacevoli sono le contaminazioni da varie parti del mondo. I ristoranti più famosi che meritano una visita anche se sono più cari rispetto alla media sono i russi Cococo, Tsar e Palkin dove conviene passare una sera perchè sono molto caratteristici.

Più semplici ma assolutamente da non perdere sempre per la cucina russa Gogol, Mari Vanna e Katiusha.



Passiamo ai top seller, quelli che mi hanno letteralmente fatto impazzire per qualità ed originalità.

Social club dove si ascolta anche dell'ottimo jazz dal vivo e poi Gills, cucina giapponese e non solo, soft cocktails gustosissimi e dolci da urlo e l'innovativo Wine Gogh.



Per finire da provare il raffinato Severyanin, il moderno ristorante italiano Jerome.



Molto di moda I ristoranti Duo Gastrobar ed Harvest facenti parte dello stesso gruppo di ristorazione insieme a Tartarb

Per un drink una sera salite all'ultimo piano del SO Sofitel Hotel con una vista meravigliosa sulla cupola della cattedrale di Sant'Isacco.



Il punto di incontro serale per eccellenza di San Pietroburgo già all'ora dell'aperitivo la Rubenstain dove consiglio di provare il raffinato Hunt per un aperitivo a base di crudita', per un drink Geographic, poi Ma, Smoke, Tesla bar, The Siirle, Clarissa e il Crazy Wine che nel fine settimana diventano anche disco bar.



Molto turistici ma da segnalare i vicini Madagascar e Cafe del Mar, con discoteca e karaoke ed aperte tutte le sere.



Sempre vicino ma aperto solo dal giovedì al sabato Hyppopotame ed il Santa Barbara.

Da prestare molta attenzione a coppie di ragazze che a partire da una certa ora orbitano tra la Rubenstain, Nevsky e anche dentro i sopra citati locali alla ricerca di ragazzi da portare in fantomatici locali a fumare narghilè dove poi vi svuoteranno il portafoglio facendovi pagare conti astronomici. Proponete sempre voi il posto dove andare e, in caso di rifiuto, lasciatele andare per evitare fregature che poi ricorderete per molto tempo.

Altro consiglio è ignorare fantomatici tassisti che vi fermano in strada di notte invitandovi a salire per accompagnarvi anche con una certa fastidiosa insistenza.

Da ricordare sempre che la situazione economica in Russia non è delle migliori con il rublo che continuamente perde valore rispetto ad euro e dollaro e stipendi medi che si aggirano intorno alle 500 euro al mese per i più fortunati. Se a questo poi si aggiunge il clima ostile invernale che raggiunge i meno 20 gradi e la pioggia continua e costante si capisce come mai aleggi depressione e tristezza tra i giovani e sia così diffusa la voglia di lasciare il paese alla prima occasione.

Le ragazze sono bellissime e molte sognano di evadere se solo ne avessero occasione di fronte ad un progetto concreto.
Evitare quindi assolutamente di cercare di concludere la prima sera perchè qui non è concepito ma piuttosto cercare di costruire una conoscenza che invece è molto ben vista soprattutto per un eventuale proseguo.

Il locale più alla moda è il 5 hotel a ridosso del canale Fontanka in piazza Lomonosova con gente elegante e aperto solo il sabato sera e la versione estiva del Cafe del Mar sulla spiaggia distante circa 50 km dalla città.

L'Aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo dista soli 20 km dalla città e conviene usare il taxi perchè costa veramente poco (solo 600 rubli) Ci sono anche dei collegamenti bus ma sono veramente vecchi e scomodi e non conviene assolutamente prenderli.

Ricordo che per soggiornare a San Pietroburgo per periodi inferiori agli 8 giorni a partire dal 1 ottobre 2019 non è più necessario il Visto Turistico.

Penso di aver detto tutto quindi vi auguro un buon viaggio con la certezza che la mia guida vi sarà molto utile. Per qualunque domanda non esitate a contattarmi.

Articoli Correlati

')